Monday, 4 April 2011

Ricotta and onion pie

    



    It is finally spring and in the market have just appeared those fresh, sweet, and flat white onions, that I love to cook in  this season. In Italy they are sometimes called may onions, or else Pompei onions. I am not really sure ever remember seeing  them in UK. However, any sweet variety would do, the fleshiest and freshest the better.  This pie, with its sweet and savoury, rather Middle Eastern taste, is one of my favourite way of cooking them.




Ingredients
                                          
1.5 kg of white sweet onions
1 tbs extra virgin olive oil
1 tsp dry thyme
70g raisins
2 tbs honey
2 tsp English Mixed Spices
500g fresh ricotta cheese
1 egg
1 roll of puff pastry

  

    For the filling, clean and thinly slice the ​​onions. Put them in a non-stick pan with a tablespoon of extra virgin olive oil, the thyme and a pinch of salt. Cover and simmer over medium heat. After about 10 minutes the onions will have released their liquid. Add the honey, raisins and mixed spices. Remove the lid and allow the liquid to reduce. The onions should look blonde and glazed. Allow to cool and strain any extra liquid. 
In a bowl, place the ricotta, drained of its liquid, and mash with a fork. Mix in a lightly beaten egg and the cooked onions.
   
Meanwhile, divide the pastry into two halves, one slightly bigger the other. On a lightly floured surface, roll out the puff pastry, returning both portions to a round shape. Use the biggest half to line a 24 cm hinged round tin, rest the other on a baking sheet and refrigerate both for about 20 minutes. Handle with care because the pastry will be very thin.
   
Pour the onion and cheese mixture into the pastry lined tin, leveling the surface and carefully filling in at the edges. Cover with the second sheet of pastry, seal theedges, then brush the top with a little milk and prick all over with a fork. Bake in a preheated oven at 230C° for about 30-35 minutes or until the pie looks nicely golden.
Perfect for a brunch in the conservatory ... (?)






This recipe is my entry for the contest 'Dimmi che fai... ti dirò Qui-CHEi'



18 comments:

  1. Buongiorno...grazie per la tua visita, di all'Ing di impegnarsi per una volta in cucina e visto che è bravo in tantissime cose lo sarà certamente anche in questo...Ottima la torta salata, adoro sia le cipolle che la ricotta, buona giornata.

    ReplyDelete
  2. adoro le torte salate con le cipolle, sono veramente saporite.
    la tua sembra stupenda!

    ReplyDelete
  3. Certo che va bene! Va molto bene!
    Metteresti il banner alla fine della ricetta per l'ufficializzazone della partecipazione?
    Grazie!

    ReplyDelete
  4. Hops, questa è la mia pagina inglese, il banner l'ho meso su quella italiana. Adesso lo metto anche qui (così la partecipazione conta doppio??!!! eheheheh)

    ReplyDelete
  5. Ciao, questa ricetta è meravigliosa!!! complimenti, un abbraccio

    ReplyDelete
  6. ma che delizia...amo le torte salate!Seguo il tuo blog da oggi!

    ReplyDelete
  7. Ciao,sono una tua nuova sostenitrice.
    Mi piacerebbe se passassi anche da me e se diventassi sostenitrice qualora ti piacesse così da non perderci di vista.
    Ti aspetto.
    A presto,un abbraccio.
    http://dolcimomenticupcakes.blogspot.com/

    ReplyDelete
  8. che bella ricetta ..ti sostengo e ti faccio a nche pubblicità su fb ti dispiace se condivido la tua ricetta a presto simmy

    ReplyDelete
  9. Davvero perfetta per la schiscetta... ma anche per un aperitivo o una cena in piedi... insomma, sempre!!!

    ReplyDelete
  10. ciao!!!!
    grazie per essere passata da me ma soprattutto per le tue parole dolcissime!
    e complimenti per questa torta salata...stravedo!!!
    a presto!

    ReplyDelete
  11. saranno le cipolle che a me fanno impazzire ma questa quiche è da mangiare anceh a colazione...
    senti Alex, nel blog ci sono anche le orecchiette di grano arso, io ho scritto la storia, pubblicata pure dal cavoloverde, è una farina di cui innamorarsi te lo giuro, questo aroma di nocciole tostate ti prende e non lo dimentichi più...non si trova facilmente, uno è Tibiona, ce qualcos'altro, ho scritto ma non mi hanno neppure risposto, io davanti casa ho una enoteca che vende prodotti particolari, pugliesi e non, la conosceva e me l'ha fatta venire direttamente dalla Puglia, ma sai 2 chili ti dura tanto perché va usata insieme ad altre farine, da sola non lega....vai a vederti le orecchiette perché meritano e poi c'è la storia molto bella...ciao carissima baci

    ReplyDelete
  12. Per me Tibiona è abbastanza comodo. A Mondovì ho mio cugino.

    ReplyDelete
  13. Ecco la finanziera è un altro di quei piatti che vorrei provare a fare, dopo di voi mi cimento...amo i piatti antichi, come amo le insalate, mi piacciono soprattutto le cose curate e cucinate con amore....bacio

    ReplyDelete
  14. complimenti la tua quiche è davvero squisita! un bacione :)

    ReplyDelete
  15. questa quiche è spazialeeeeeee!!! complimenti :)

    ReplyDelete
  16. We just ate a tub of those onions which had been pickled in balsamic vinegar and presumably imported by a delicatessen here. My husband said sadly, 'I wonder why we never see those onions here.' I will tell him they are Italian onions ! I love your blog and I was just admiring that puffpastry fish pie, so pretty! I might try to make that one day!

    ReplyDelete
  17. tanks for your visit on my website! I like onion! it's very good recipe! good pie! excuse me form my bad english dr!bye!

    ReplyDelete
  18. Beautiful pic, gorgeous recipe! Your English way of writing is enough to me to envy you...and by now ,the only thing we've got in common is the number of followers :-( talk to you soon again

    ReplyDelete

In 'Comment as' choose profile: Name/URL